.:.

I have a dream: il quorum degli psicologi

Chi non ha mai ascoltato il famoso discorso di Martin Luther King? A Washington, in occasione della grandiosa ‘marcia per il lavoro e la libertà’ che portò in piazza 250.000 americani di tutte le etnie contro la segregazione razziale, King pronunciò un discorso che ripeteva: ‘I have a dream’. Più volte, con forza e convinzione: ‘I have a dream’.

Era un sogno nitido, concreto, tangibile e necessario. Un sogno che aveva portato migliaia di persone a partecipare nelle piazze, nelle strade, nei boicottaggi dei mezzi pubblici che segregavano la gente in base al colore della pelle. Il movimento per i diritti civili aveva portato la gente ad alzare la testa, per sentirsi parte di un disegno e di una visione più grandi.

Ecco, di questa partecipazione e del senso di appartenenza ad una grande comunità unita da un sogno, noi Psicologi abbiamo bisogno oggi.

La nostra comunità professionale soffre di isolamento: ce lo dicono i colleghi e le colleghe che ogni giorno incontriamo, che ci scrivono, che commentano sul web ma ce lo dice anche la difficoltà che la professione trova ad affermarsi nel rapporto con  la società allargata, con i mezzi di comunicazione, con i decisori politici ed amministrativi del nostro paese.

Il mancato raggiungimento del quorum elettorale in due grandi regioni nelle ultime elezioni per gli Ordini è forse il segnale di un senso di solitudine, di estraniamento, di isolamento che non hanno trovato modo di emendarsi nella partecipazione attiva, nell’appartenenza ad una comunità professionale che trascenda l’individualità.

Gli Psicologi, come i cittadini, sono stanchi di sentirsi strattonati e chiamati in causa solo come portatori di voto nei mercanteggiamenti elettorali:  sentono fortissima l’esigenza di qualcosa di ulteriore rispetto alle pressioni da campagna elettorale.

Gli psicologi hanno bisogno di risposte – ideali e concrete  – a domande restate inevase per troppo tempo.

Noi riteniamo che queste risposte si possano trovare solo nell’attivazione di un’identità professionale condivisa, di quella PARTECIPAZIONE attiva alla vita della comunità e delle istituzioni professionali che da sempre è uno dei pilastri dell’azione di AltraPsicologia.

L’azione dei gruppi regionali di AP si è concretamente orientata in questo senso, per esempio con i progetti centrati sull’attivazione dei Comitati d’Area; le riflessioni sull’inclusività richiesta ad un Ordine che voglia legittimarsi nella società; la capacità di sviluppare interazioni costruttive con tutti gli iscritti.

Queste intuizioni di AP, che il nostro compianto Giuseppe Tessera ha forse più di chiunque altro sostenuto, sono oggi i capisaldi cui agganciare la rifondazione dell’Ordine degli Psicologi e di tutte le istituzioni della professione.

Gli Psicologi hanno ancora un sogno. Un sogno che va interpretato con quella partecipazione costruttiva che non si esaurisce nel voto ma che può essere concretizzato nella realizzazione condivisa di una vera community degli Psicologi.

Per questo AltraPsicologia rilancia la sua proposta di apertura delle istituzioni professionali a tutti i colleghi: con le iniziative forti di informazione e trasparenza ma anche con l’attivazione di percorsi condivisi di ideazione e realizzazione della professione di domani.

È questo l’unico cammino che può dare senso agli Ordini professionali in questa epoca. Un’istituzione ha senso solo in relazione alla sua utilità sociale e alla sua capacità di attivare appartenenza e partecipazione, altrimenti si estingue: ci pensa la storia. Il nostro futuro è andare oltre tutti i limiti che ancora impediscono agli Psicologi di sentirsi parte di una comunità, di ritrovarsi nelle radici comuni, di scoprire l’appartenenza ad una realtà più grande dei riferimenti di scuola a cui si può chiedere e dare secondo le proprie possibilità.

Non ci illudiamo che sia facile: ci vorrà ancora molto impegno perché gli Ordini e l’ENPAP diventino il volano per sanare la condizione marginalità sociale e culturale che mette in ginocchio, anche lavorativamente, più di metà degli Psicologi italiani e li inchioda a redditi troppo bassi per vivere, ma non può essere l’impegno solo di un piccolo gruppo.

E’ l’ora della PARTECIPAZIONE, da costruire e salvaguardare: nessuno può mancare.

Category : Ordine Psicologi.
« »

Commenti

One Response to %2$s

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *