.:.

Il momento della verità?

La prima novità è che l’audizione di Angelo Arcicasa e Claudia Burroni dell’8 febbraio presso la Commissione Bicamerale di Controllo sugli Enti di Previdenza, secondo ItaliaOggi non avrebbe convinto i parlamentari. C’è stata quindi una nuova convocazione, che dovrebbe essere mercoledì 15 febbraio.

Il condizionale è d’obbligo perché, nonostante le notizie che filtrano da ogni dove e nonostante l’invito pressante dei membri della Commissione Bicamerale alla trasparenza, dall’ENPAP non è stata diffusa alcuna notizia sulla nuova audizione, nemmeno ai consiglieri CIG.

Il Presidente ENPAP e il Direttore Generale dell’ente Massimo Muzzin, che non era presente alla precedente convocazione, saranno quindi sentiti di nuovo.

Come Associazione e come rappresentati di minoranza all’interno del CIG, abbiamo inviato alla Commissione una nostra memoria, che vuole essere un contributo di approfondimento all’intera vicenda della compravendita del Palazzo in via della Stamperia e più in generale sulle decisioni e sulle azioni compiute dal Consiglio di Amministrazione, governato da AUPI e Cultura&Professione, e dal Consiglio di Indirizzo Generale, a maggioranza AUPI, nel corso di questi tre anni di gestione.

Il documento è scaricabile a questo link: Memoria per la Commissione Bicamerale | ENPAP 2012.

Allegate alla memoria abbiamo inviato anche le 8000 firme per la richiesta di dimissioni dell’attuale Consiglio di Amministrazione dell’ENPAP. (qui il file Petizione 2012 | ENPAP – 8000 psicologi chiedono chiarezza e dimissioni CDA)

L’altra novità è che questo sabato 18 febbraio dalle 10 alle 13.30 finalmente si riunirà il Consiglio di Indirizzo Generale, presso la sede dell’ENPAP a Roma, in via Andrea Cesalpino 1, in cui verrà affrontato assieme al Presidente Arcicasa il tema dell’acquisto del palazzo in via della Stamperia. A questa riunione sono stati invitati anche tutti i rimanenti componenti del Consiglio di Amministrazione.

Al termine della riunione, i consiglieri di Altrapsicologia Stefania Vecchia e Federico Zanon si rendono disponibili ad incontrare tutti i colleghi interessati ad avere informazioni su quanto emerso.

Categoria: ENPAP

TAG: , , ,

« »

Commenti

One Response to %2$s

  1. ENZO says:

    Bel lavoro!

    Sottoscrivo anch’io il documento per la Commissione, anche se avrei aggiunto delle domande puntuali sulle procedure di acquisto.

    L’audizione di domani è calendarizzata dalla Commissione e mi è stata confermata da uno dei commissari.

    Vorrei partecipare all’incontro di Sabato a Roma. Sapreste indicare un luogo e un orario?

  2. ENZO says:

    La nuova audizione del Direttore dell’ENPAP Muzzin è on-line.

    http://www.radioradicale.it/scheda/345829/commissione-parlamentare-di-controllo-sullattivita-degli-enti-gestori-di-forme-obbligatorie-di-previdenza-#int2634632,1242,385

    L’ho ascoltata tutta. Nessuna risposta alle domande puntuali dei Commissari.
    Sembra che non esista un Capitolato dei lavori di ristrutturazione, non c’è nessuna fidejussione, nessuno si è curato di sapere chi fosse il proprietario dell’immobile. Troppo fessi per essere veri.
    Le censure del Presidente Jannone e degli altri Commissari pesano come macigni. Dopo una tale figura, fossi un consigliere d’amministrazione dell’ENPAP non uscirei di casa per un paio d’anni.
    Addirittura l’On. Santagata dice che se l’ENPAP funzione così, bisognerebbe riformare le casse di previdenza alla radice.
    L’unico modo per superare la vergogna sono le dimissioni immediate del CdA, del CIG e anche di Muzzin, con nuove elezioni.

    • Alberto says:

      Questa storia è figlia di una società (noi stessi) che ama parlare ma non sa interagire con le istituzioni né tantomeno utilizzarle. A questo punto le dimissioni di Arcicasa sono il minimo. Se abbiamo sufficiente fiducia nelle istituzioni, Magistratura e Guardia di Finanza sono al lavoro. Dobbiamo chiedere all’ Ordine Nazionale se ed in che modo ci possono rappresentare in questa situazione: o con l’Ordine oppure tramite AP stessa, possiamo avviare una Class Action e chiedere i danni?

      Vorrei invitare poi tutti a considerare il comportamento di Arcicasa e associati come potenzialmente di rilevanza penale (lo dirà la Magistratura), mettendo da parte facili ironie e invettive che ci danno l’illusione di fare la voce grossa, ma che non servono davvero a niente. Dobbiamo davvero arrabbiarci e tanto, manifestando tutto questo con azioni legali e comunicazione ai media! Per AP è un momento della verità.

  3. maria vignato says:

    come non essere d’accordo? l’indignazione non
    basta in questi tempi.
    sono vissuta abbastanza per vederne di tutti i colori, ma questa vicenda
    segna il limite, veramente.

  4. ENZO says:

    Concordo,
    ma vorrei ricordare che, al momento, Arcicasa non risulta indagato.
    anzi: l’ENPAP è parte lesa nell’ipotesi del reato di truffa.
    Solo se la Procura riesce a dimostrare che Arcicasa ha preso dei soldi per acquistare a prezzo maggiorato, le cose potrebbero cambiare.

  5. Mariacarla Sbolci says:

    Cari colleghi , gradirei sapere qualche aggiornamento
    A seguito del 18
    Grazie Mcarla Sbolci

    • Federico Zanon Federico Zanon says:

      Gentilissima,

      fra qualche giorno pubblicheremo un resoconto degli ultimi avvenimenti, in particolare del Consiglio del 18. Sono state settimane convulse, difficili, e la riunione del 18 lo è stata particolarmente: l’atmosfera era tesa, e ad un certo punto il problema principale sembrava essere la stampa e (forse, sottinteso) Altrapsicologia e altre associazioni di categoria, che avrebbero amplificato la notizia. Non sono mancate le ipotesi di azioni di tutela dell’immagine dell’ENPAP (!), che sono suonate pure un po’ difficili da realizzare, visto che occorrerebbe chiamare in causa qualche decina di giornali, telegiornali, associazioni di categoria, e migliaia di colleghi.

      Ora: potrà pure essere, però mi risulta difficile da sostenere che la stampa nazionale (Corriere, Repubblica, Sole24Ore, ItaliaOggi, etc.), la commissione bicamerale, 8000 psicologi per Altrapsicologia, 2000 psicologi per SIPAP, Cultura & Professione, SUMAI, molti professionisti dei consigli di altre casse, la magistratura, insomma l’intera società civile interessata alla questione abbiano tutti insieme “montato la panna”, per usare una delle espressioni che ho sentito in consiglio.

      Di fatto, questo CDA non sembra affatto intenzionato a dimettersi, e la linea argomentativa è che l’acquisto del palazzo di via della Stamperia è stato “un buon affare per l’ENPAP”.

      A questo punto, attendiamo da una parte i risultati delle indagini della magistratura, di cui i giornali hanno dato notizia, e dall’altro le prossime settimane per vedere se ci saranno novità.

      Molti consiglieri del CIG durante il consiglio del 18 hanno espresso contrarietà per le informazioni che non sono circolate, e una consigliera del CDA (Caterina Vezzoli, unica non AUPI) ha avuto parole di critica per gli altri consiglieri di amministrazione e per il presidente, affermando di non aver ricevuto nemmeno lei informazioni precise sulla compravendita. Un intervento sofferto e sentito, che personalmente ho apprezzato, anche se non ho elementi per sapere come siano andate le cose in CDA.

      In ogni caso, ci prendiamo qualche giorno per scriverne con accuratezza.

      Grazie per l’interesse e il sostegno.

      • ENZO says:

        Federico,
        il sostegno mio e di molti altri colleghi è assoluto.
        Se posso esprimere un auspicio, mi piacerebbe che AP non passi sulla difensiva, come potrebbe sembrare dalla lettura del tuo ultimo intervento.
        Qui nessuno ha montato la panna. E’ già acida da molto tempo.
        Le spiegazioni fornite vanno bene per i decerebrati. A questo punto l’ultima speranza è il CNOP, perchè la Magistratura ha tempi lunghissimi.
        Hai notato crepe nei consiglieri AUPI?
        Come valuti il comportamento di Cultura e Professione?
        Io attendo fiducioso, ma è vostra responsabilità provare a tenere alti interesse ed indignazione.
        NON MOLLATE, state sempre sul ferro caldo!

        • Federico Zanon Federico Zanon says:

          Caro Enzo,

          il mio commento probabilmente rispecchia una grande perplessità, che il consiglio del 18 non mi ha aiutato a risolvere.

          Il caso del palazzo è eclatante per l’interesse risvegliato nei media e negli psicologi, non si può non prenderne atto. E non credo che il problema sia riducibile al “vizio” della stampa di esagerare con le notizie, o alle sole indagini della magistratura, che peraltro non paiono avere ad oggetto persone in particolare ma l’intero svolgersi dei fatti.

          Quale che sia il risultato delle indagini, a livello politico e sociale questi eventi, di cui ancora non vi è una versione unitaria, hanno creato scontento e sfiducia da parte dei colleghi, e con ogni probabilità delle altre casse e della società. Anche di questo non si può non prendere atto.

          Altrapsicologia ha avuto da subito una posizione netta, chiarissima: le dimissioni del CDA sono un atto che ridarebbe fiducia nell’ENPAP.

          Anche al di là delle modalità dell’acquisto, abbiamo sempre ritenuto che investire il 10% del patrimonio su un solo immobile sia una scelta che secondo noi non rispetta un principio di diversificazione che è essenziale per la conservazione sicura del capitale: se le cavallette si mangiano il palazzo, noi abbiamo perso il 10%. Oggi, si aggiunge il tassello delle modalità di acquisto.

          • ENZO says:

            So che questi sono giorni intensi.
            Non vorrei romperti troppo le scatole, ma provo a riproporre due domande che ho già svolto nel mio precedente intervento.

            Hai notato crepe nei consiglieri AUPI?
            Come valuti il comportamento di Cultura e Professione?

          • Federico Zanon Federico Zanon says:

            Caro Enzo,

            non rompi assolutamente le scatole, avevamo deciso di prenderci qualche giorno di riposo dall’argomento ma giustamente ci chiedete informazioni.
            E’ difficile rispondere a queste specifiche domande, che richiedono una valutazione soggettiva.

            Cultura & Professione ha tenuto a mio avviso una linea molto simile ad Altrapsicologia sul piano della trasparenza, con la sorpresa positiva della loro consigliera di Amministrazione che ha dichiarato che anche lei non è stata adeguatamente informata sulle modalità di acquisto, e che non si fida più di questo presidente. Noi restiamo dell’idea che tutto il CDA si debba dimettere, C&P è orientata al solo presidente.

            I consiglieri AUPI del CIG hanno fatto notare che la comunicazione poteva essere più completa, ma poi la chiusa è stata per me inaccettabile: ribaltata la colpa sulla precedente gestione che avrebbe prodotto un regolamento per l’accesso agli atti troppo complesso, e mandato al CDA di rivedere il regolamento di accesso agli atti. Cioè: la gente sta chiedendo le dimissioni del CDA, c’è uno scandalo sulla stampa nazionale, e il metodo per risolverlo è dare mandato allo stesso CDA di rifare il regolamento di accesso agli atti? siamo consiglieri e dobbiamo pregare di darci l’accesso agli atti? per il solo fatto di rappresentare gli iscritti avremmo a mio avviso il diritto di accedere ad ogni atto, senza formalità.
            E in ogni caso, il mio desiderata (di trasparenza gestionale) vorrebbe che fosse il CDA a fornire spontaneamente una completa documentazione delle sue attività, mentre la cartellina della riunione era spaventosamente vuota.

            La stessa commissione Bicamerale ha sollecitato la pubblicazione dei documenti su internet per gli iscritti. E ancora stiamo al medioevo dell’accesso agli atti dei consiglieri.

            Per il resto, il tema è stato: la responsabilità è di chi esagera sulla notizia. Non importa che sia tutta la stampa nazionale, migliaia di psicologi e una commissione bicamerale, e che tutti rilevano almeno la stranezza di due prezzi di alienazione con una differenza di 18mln di euro per lo stesso bene nello stesso giorno. L’argomento del valore della ristrutturazione e della rendita già attiva, se non supportate da documenti (capitolato lavori, etc., che non abbiamo), servono poco a dimostrare che l’affare è stato conveniente.

          • Gastone says:

            … a proposito di cavallette, avete chiesto se l’immobile è assicurato?

          • Federico Zanon Federico Zanon says:

            Questa era una delle domande che ci restavano da fare, prima di essere interrotti e incalzati al punto da persuaderci a lasciar perdere.
            Abbiamo preso atto che si era alla fine del consiglio, con troppa tensione nell’aria, e che non c’era più lo spazio per porre le restanti domande.
            Quindi, la risposta è: non sappiamo se il palazzo è assicurato, come non sappiamo il costo esatto della ristrutturazione (che è la domanda sulla quale siamo stati interrotti, senza poterla finire). Tutte occasioni sprecate per dare spiegazioni agli iscritti.

        • domanda says:

          Vorrei sapere quanto guadagnano questi signori che si candidano alle elezioni, chi riveste un ruolo nell’ENPAP o nell’ordine degli psicologi lo fa in forma di volontariato? attendo risposta: ricercarticoli@yahoo.it

      • fan says:

        vai a sostenere l’ordine degli psicologi!
        che è ora che tornino a casa pure loro!

        • Federico Zanon Federico Zanon says:

          Non scambierei la qualità dell’auto con la capacità di guida del conducente. Gli esami per accedere al governo di Ordini ed ENPAP sono le elezioni, e i giudici sono gli psicologi. Spero che tutto questo serva a risvegliare le coscienze assopite dei molti colleghi che non votano.

          • Anto ringrazia gastone 2 says:

            Sono andata dietro succerimento propizio di Gastone a vedermi i bilanci consuntivi dell’Enpap al 31/12/2010,

            http://www.enpap.it/files/Bilancio_Consuntivo_2010.pdf

            ecco alcune voci a pagina IV:
            Costi per il personale 1.710.201,82
            Compensi professionali 268.647,19
            Organi amministrativi e di controllo 1.211.650,42
            Spese di rappresentanza 12.141,55
            Servizi vari 467.819,66
            Altre spese generali 39.692,54
            cosa sono queste spese generali? e le spese di rappresentanza?

            Ma quanto ci costano?

            te credo che vogliono candidarsi in tanti !!!!!!!
            è un’ascesa al potere e al denaro!!!

  6. ENZO says:

    Grazie Federico.

    Io vi seguirò e vi sosterrò fino alle prossime elezioni.

  7. domanda says:

    Sapreste dirmi quanto guadagnano questi signori che si candidano alle elezioni? chi riveste un ruolo nell’ENPAP o nell’ordine degli psicologi lo fa in forma di volontariato? io faccio parte di una commissione in circoscrizione e il mio ruolo è quello di tutelare i diritti del cittadino oltre che far da portavoce delle necessità della comunità locale e lo svolgo inn forma di volontariato, e così anche per questi ??? attendo risposta: ricercarticoli@yahoo.it

    • Gastone says:

      … i guadagni di lorsignori sono nei bilanci dell’ente, pubblicati sul sito. Se non erro, ci costano complessivamente oltre un milione di euro ogni anno…..

      • Anto ringrazia gastone says:

        Ringrazio Gastone per la risposta alla mia domanda, se il lavoro di questi “signori” dell’enpap è retribuito,
        (e con gli ordini come siamo messi??
        allora forse un modo per bloccare la scalata al potere è quello di mettere solo persone che lavorino come volontari!!
        E poi vediamo proprio chi si candida!!!
        Cosa ne dite?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>