.:.

Le comari di ENPAPeropoli

Capita, vagabondando fra le mailing list più importanti frequentate dagli psicologi, come “Orizzonti” (www.lacosapsy.com) di imbattersi in divertenti discussioni come quella in atto da diverse settimane sulla gestione ENPAP.

Capita che a queste discussioni, spesso divertenti ed animate, partecipino anche dei consiglieri ENPAP.

“Consiglieri ENPAP?” – direte voi – “Ma, se non li si vede in giro neanche a cercarli con la lanterna di Diogene?” – e invece SI: i consiglieri ENPAP esistono, sono persone in carne, ossa e volontà, e (udite! udite!) a volte decidono pure di comunicare con gli iscritti…

Ma aspettate! dove andate?

Non affannatevi a digitare “ENPAP” sulla finestrella del vostro google per vedere se sul sito dell’Ente hanno pubblicato qualche notizia su quello che combinano là dentro, nel deposito di Zio Paperone: non troverete nulla!

Già. Perchè le notizie, quelle sugose, con tanto di citazione di verbali e tutto quanto, non le troverete di certo nella bacheca degli uffici municipali di ENPAPeropoli… le notizie, come ogni notizia che si rispetti, prima passano per la piazzetta del paese, fra i banchi della frutta e del pesce fresco, agli angoli delle strade dove le comari si fermano a spettegolare l’una dell’altra.

Ma ecco che arriva l’Ignaro Cittadino di ENPAPeropoli: costretto dalla normativa italiana ad affidare i suoi risparmi a questo Paese dei Balocchi, passa per caso accanto a questi improvvisati capannelli di comari e si trova a cogliere brandelli di conversazione.

Come questi che seguono, in cui Paperino racconta a tutti che quella volta, durante un Consiglio, Paperina ha parlato male di Zio Paperone dicendo che forse si diverte troppo a sguazzare nel Deposito, e allora lo Zio Paperone l’ha sgridata e minacciata di denunciarla per d-i-f-f-a-m-a-z-i-o-n-e, che ad ENPAPeropoli, come in Italia e a differenza che negli Stati Uniti (ad esempio), è un atto punibile anche se il diffamante dice la verità*.

Ma eccovi il pezzo, rapito e trascritto per stralci con i nomi cambiati (che, in fondo, nulla aggiungono allo spettacolo):

… L’ultima mail di PAPERINA (Enpap: evviva …) è un ulteriore frutto della pervasiva “cultura del sospetto” che sottende ad ogni suo ragionamento e comportamento  in merito all’Enpap.

(…)

Una chicca è rappresentata dalla richiesta – presentata il 29/5 u.s., (…) di acquisire copia delle locandine di tutti i convegni ai quali hanno partecipato dal 1998 il Presidente, il VicePresidente, il precedente Direttore, in quanto aveva il dubbio che fossero state partecipazioni a spese dell’Ente o, peggio, a spese di gestori che intrattenevano rapporti commerciali con l’Ente.

(…)

Sul  sospetto che il Presidente ed il Vice ricavino una qualche agevolazione personale a danno degli interessi dell’Ente e degli iscritti, la cons. PAPERINA è recidiva ed ha rischiato una certa denuncia per diffamazione.

Sono abituato a recar prove di quanto dico e perciò riporto dal verbale del 6 ottobre 2007 al punto ove si stava discutendo sul testo dell’approvando Regolamento sull’accesso agli atti:


“Cons. PAPERINA: Evidentemente si cerca di impedire la pubblicazione e la diffusione degli atti, che renda possibile ai consiglieri del CIG una verifica sull’attività del Cda e del Presidente e ciò fa molta paura perché l’altra volta abbiamo appreso
(ndr: dalla lettura del verbale del CdA di cui sopra) che il Presidente, il Vice Presidente ed il Direttore sono andati in giro per il mondo a spese dei gestori. Allora è chiaro che viene in mente la possibilità (…) che i gestori abbiano fatto in qualche modo pagare all’Ente i viaggi del Direttor,e appunto, dando delle azioni fallimentari, dando delle condizioni negative e questo non possiamo escluderlo e quindi non siamo nella possibilità di effettuare un minimo di vigilanza, di controllo sugli organi attualmente dirigenti, pur avendo situazioni di illecito”.

ZIO PAPERONE chiede che l’intervento della cons. PAPERINA venga verbalizzato per intero, in modo che egli possa valutare se vi sono estremi per la diffamazione.

Il mio ricordo (ma gli altri consiglieri allora presenti possono confermare, se credono): la cons. PAPERINA, dopo la richiesta del Presidente, esce precipitosamente dalla riunione, prontamente soccorsa dalle altre due consigliere. Rientra dopo alcuni minuti,visibilmente emozionata e chiede di poter fare una precisazione, che è la seguente:

“La Cons. PAPERINA dichiara di essersi sbagliata dal momento che altri consiglieri l’hanno distratta”

(…)

Dinanzi ad una sì puerile giustificazione, la benevola comprensione di ZIO PAPERONE (in fondo è uno psicologo psicoterapeuta anche lui), le hanno evitato una giustificatissima querela.

(…)

Firmato:

PAPERINO

Che poi, a ben vedere, per risolvere la questione basterebbe le comari sapessero leggere i bilanci, invece di litigarsi la loro battaglia di coriandoli. Infatti il Bilancio ENPAP del 2006 riporta chiaramente che è proprio vero quel che dice Paperina: i gestori danno la mancetta domenicale al Municipio di ENPAPeropoli, per andarsi a fare i giretti fuori città.

E come potrebbe essere il contrario, visto tutti i soldi che gli (ci) avranno spennato!

Estratto dal Bilancio Enpap 2006, pagina 55.

Proventi straordinari

[...]

3) i contributi versati da alcuni gestori finanziari per le iniziative  che l’Ente intraprende in relazione al perseguimento dei propri fini  istituzionali;

Contributi per finalità istituzionali € 35.330,00

[...]

Ma l’ignaro cittadino di ENPAPeropoli non si accontenta certo delle chiacchiere del paese: colpito dal peso degli argomenti carpiti dalle comari, telefona al Municipio di ENPAPeropoli perchè vuol vedere con i suoi occhi quei verbali di Consiglio che le comari citano con tanto gusto, e allora scopre che la faccenda è più complicata del previsto.

Perchè sulla bacheca web del Municipio di ENPAPeropoli, nell’Area Riservata ai cittadini, non c’è traccia di documenti o verbali; perché una gentile segretaria chiede allarmata spiegazioni in merito alla richiesta; perché “nessun iscritto ha mai chiesto i verbali”; perché occorre scrivere una mail e attendere.

Ma l’Ignaro Cittadino resta quantomeno sbigottito: “ma come, tutta questa trafila per ottenere informazioni che il Municipio di ENPAPeropoli dovrebbe preoccuparsi di fornire di sua iniziativa, visto che si tratta di discussioni che riguardano i soldi dei cittadini? E poi, se stralci dei verbali interni del CIG circolano allegramente su ML e siti di sedicenti Associazioni Sovversive, che senso ha dover fare una richiesta?”

Non ci credete, vero? bene, e allora perchè non provate anche voi a telefonare al municipio di ENPAPeropoli? 06 9774861

Ma fate in fretta: questa ENPAPeropoli forse durerà ancora per poco…

Federico Zanon

*(fonte: wikipedia)

DIFFAMAZIONE: nel diritto penale italiano, è il delitto previsto dall’art. 595 del Codice Penale secondo cui:

Chiunque, fuori dei casi indicati nell’articolo precedente, comunicando con più persone, offende l’altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a euro 1032.
Se l’offesa consiste nell’attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a euro 2065.
Se l’offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore ad euro 516.
Se l’offesa è recata a un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza, o ad una Autorità costituita in collegio, le pene sono aumentate
.
(…)
Ai sensi dell’art 596 del codice penale l’autore della diffamazione non è ammesso a provare la verità dei fatti (exceptio veritatis) se non in casi espressamente previsti.

Ho 37 anni, due figli, sono laureato in Psicologia e in Filosofia e per mestiere faccio lo psicologo. Anche se la psicologia mi piace, non sono mai riuscito a considerarla una metafora completa per i bizzarri fatti della vita. Per questo mi piace interessarmi di tutto quello che mi attrae: filosofia, economia, arte, cucina, letteratura di viaggio. Da circa un anno tengo un blog sulla previdenza: presa dal verso giusto non è affatto noiosa, ma è una buona finestra da cui osservare i fatti del nostro paese. Il mio profilo su Elezioni ENPAP: http://www.elezionienpap.it/federico-zanon/ Blog: www.federicozanon.eu Twitter: @federicozanon

Categoria: ENPAP

TAG: , ,

« »

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>