.:.

Le meraviglie di ENPAPeropoli: la Carta ENPAP

Le meraviglie di ENPAPeropoli: la Carta ENPAP

La prima puntata del viaggio alla scoperta

dei pacchi clamorosi che ci facciamo rifilare

Finalmente anche noi in prima classe:

ma solo da Roma a Lugano!

Con l’inverno e l’avvicinarsi delle elezion…ehm… festività natalizie, gli psicologi iscritti ENPAP hanno ricevuto per posta la Carta ENPAP-ADEPP: una tesserina di plastica dalla grafica piacevole che darebbe diritto a sconti fantastici a tutti gli iscritti Enpap.

Abbiamo iniziato provandola per grattare il ghiaccio dai vetri dell’auto, e funziona egregiamente. Poi l’abbiamo provata nel suo uso più indicato: per ottenere sconti; vedete un po’ che ci hanno detto…

Il gioco delle (tre) Carte

Facciamo un po’ di storia: un bel giorno, una ventina di Casse Previdenziali Private si mettono insieme, e concepiscono l’idea di stipulare convenzioni con alcuni fornitori di prodotti e servizi, sulla base del potere contrattuale che viene dai grandi numeri.

Oggi si sono ridotte a 13 perché qualcuno non voleva più far parte di un organismo dai risultati dubbi. Ma questa è un’altra storia, con i suoi risvolti tragici; ve la raccontiamo in un articolo apposito.

Tornando ai grandi numeri: per farla semplice, tu vai dal tuo macellaio e gli dici: “Uhe, Ciro, che prezzo mi fai del filetto se dico a qualche mio amico che tu gli fai un prezzo speciale?” – “Eh” – ti dice Ciro – “dipende da quanti sono questi amici…” – “Ma” – gli dici – “che ne so… saranno circa un milione e mezzo”.

Un milione e mezzo. A tanto ammontano gli iscritti alle casse private che si sono associate nell’AdEPP.

Un milione e mezzo di potenziali clienti sono, lo si capisce, un bel gruppetto da proporre alle aziende in cambio di sconti: chissà che prezzi hanno spuntato i nostri consiglieri!

Arrivata la Carta, riempiamo il carrello!

La carta ENPAP – AdEPP ci arriva per posta alla fine di Dicembre 2008. Promette grandi cose, la carta… sconti, promozioni, risparmi… una carta da esibire nei supermercati per avere diritto a sconti fantastici sul pane e sulla pasta, come la famosa Social-Card? Una carta che ti permette oltre 3000 euro di risparmio all’anno, come ha detto qualcuno? Insomma, qualcosa di realmente utile?

Anche noi l’abbiamo pensato. Ma ci siamo sbagliati…

Ce ne siamo accorti quando abbiamo iniziato a scorrere la lista di convenzioni della tesserina magica, e siamo rimasti abbagliati da cotanta ricchezza di doni.

Ma come? – ci siamo detti – possibile che questi eroi dell’alta finanza, questi mostri della gestione dei servizi, abbiamo potuto concepire qualcosa che funziona davvero? – e infatti, alla “prova empirica” la cartolina magica finora ci è servita solo per sbrinare i vetri…

Ma andiamo con ordine: due TIRCHI esponenti del ricco Nord-Est, cittadini obbligati di ENPAPeropoli, ricevono a domicilio la loro brava tesserina, che promette grandi risparmi.

Abbagliati dalla generosità della municipalità di ENPAPeropoli, e dalla prospettiva di risparmiare il loro sudato denaro, decidono di fruire realmente dei servizi offerti.

Divertitevi dunque con loro, in questo tour delle meraviglie di ENPAPeropoli!

Voglia di viaggiare

Il periodo natalizio è l’ideale per una bella vacanza, da soli o con la famiglia, e quindi proviamo a vedere se la nostra Carta ENPAP-ADEPP ci offre qualche opportunità di risparmiare.

Darwin Airline: un nome, un programma… sai il fascino di viaggiare con una compagnia che ha lo stesso nome dell’ideatore della teoria della selezione naturale? Ma la convenzione ci pare un po’ limitata… già, perché copre soltanto la tratta Roma-Lugano!

Beh, si sa che gli psicologi son gente ricca, gente da conto in Svizzera, ma creare addirittura un corridoio privilegiato ci sembra eccessivo!

Passiamo ad Air One. Proletaria, economica, la compagnia ci sembra più adatta alle nostre taccagne inclinazioni. Ma ad ENPAPeropoli fanno le cose in grande, e così ci hanno stipulato una bella convenzione con sconto del 30% SOLO sui biglietti di classe piena. La classe piena è, per intenderci, quella più costosa e ricca di servizi accessori.

Vabbè, i nostri consiglieri han voluto strafare… ma per stavolta noi ci accontentiamo di una modesta classe sottoproletaria in last-minute: magari le poltrone sono un po’ più dure, però di certo spendiamo meno di quel che spenderemmo usando la nostra Carta ENPAP, che per avere lo sconto ci costringe ad acquistare biglietti di prima classe.

Arrivati a destinazione con valige, accessori e bimbi al seguito, ci serve una macchina. Decidiamo per il noleggio, visto che quei tassisti abusivi che stanno fuori dall’aeroporto non sono certo convenzionati con ENPAPeropoli.

All’AVIS ci accolgono con un sorriso: la signorina al bancone ci conferma che abbiamo diritto allo sconto del 15% con la nostra Carta ENPAP.

Però, la signorina ci avverte che se volessimo stipulare una delle loro Carte AVIS Club al costo di 50 euro annui, avremmo diritto al 20% di sconto sui noleggi auto e al 50% di sconto sugli accessori aggiuntivi.

E con quattro pargoli al seguito, ci servono i seggiolini…

Tuttavia, gli scappa l’occhio sui nostri biglietti di classe ultra-proletaria dell’AirOne, e allora ci confida che se vogliamo davvero risparmiare, è meglio che mettiamo via la Carta ENPAP: con i biglietti di AirOne lo sconto sale al 30% per una convenzione fra le due compagnie.

Che dire? Di bene in meglio. Partiamo con le nostre auto a noleggio scontato, la Carta ENPAP che riposa nel taschino, le mogli che borbottano (“epperò ‘sta carta enpappa non ti serve a una cippa” “epperò che minchia di lavoro ti sei scelto, nemmeno gli sconti sulla station come ai dottori veri” “epperò agli infermieri dell’ASL gli fanno il muto aggratis” etc. etc.).

Arriviamo in albergo. Location molto dignitosa, gli StarHotel sono gemellati con la municipalità di ENPAPeropoli per il folle sconto del 5%.

Andiamo dunque alla reception ad esigere quanto dovuto.

Sfoderiamo subito la nostra carta ENPAP, lucida ed elegante nel design disinvolto che distingue lo psicologo dalla massa degli alberganti.

Il receptionist controlla e propone il 5% in meno.

Poi gli cade l’occhio sulla macchina a noleggio, che abbiamo parcheggiato fuori, e ci chiede se per caso non siamo arrivati con AirOne.

Certo! – gli diciamo – come ha indovinato?

Semplice, – risponde lui – AVIS e AirOne sono convenzionate, lo sanno anche i polli: chi sceglie AirOne di solito prende anche auto AVIS, e arriva negli hotel della nostra catena StarHotel, perchè chi viaggia con AirOne, pernotta da noi con il 50% di sconto!

Umiliati, rimettiamo nel taschino la Carta ENPAP, e decidiamo di non dir nulla alle nostre mogli.

Cosa abbiamo imparato da questo primo viaggio?

Che l’AdEPP (con l’ENPAP al seguito) ha stipulato tre convenzioni separate con tre compagnie convenzionate fra loro, per sconti davvero miseri.

Il normale cliente che fruisce dei servizi combinati delle tre compagnie (AirOne, Avis e StarHotel) risparmia molto più dell’intrepido psicologo che si porta appresso la sua magica  ENPAPCard.

Ma alla fine di tutto ci viene pure un dubbio: quante volte viaggiamo in aereo in un anno? quante volte noleggiamo un’auto? una, due, tre volte?

Ci servivano davvero delle convenzioni per questi servizi? o forse era meglio concentrarsi su qualcosa di più quotidiano… il treno, l’auto…

Ebbene: ad ENPAPeropoli hanno pensato anche a questo!

Nella prossima, esilarante puntata:

In viaggio con ENPAP e Trenitalia

&

Acquista una FIAT con lo sconto ENPAP-ADEPP

Ho 37 anni, due figli, sono laureato in Psicologia e in Filosofia e per mestiere faccio lo psicologo. Anche se la psicologia mi piace, non sono mai riuscito a considerarla una metafora completa per i bizzarri fatti della vita. Per questo mi piace interessarmi di tutto quello che mi attrae: filosofia, economia, arte, cucina, letteratura di viaggio. Da circa un anno tengo un blog sulla previdenza: presa dal verso giusto non è affatto noiosa, ma è una buona finestra da cui osservare i fatti del nostro paese. Il mio profilo su Elezioni ENPAP: http://www.elezionienpap.it/federico-zanon/ Blog: www.federicozanon.eu Twitter: @federicozanon

Categoria: ENPAP

TAG: ,

« »

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>