Mauro Grimoldi

 

Ho incontrato Altrapsicologia come una bella sorpresa.
Da tempo mi sembrava che i problemi degli psicologi fossero oggi grossi e difficili: spese insostenibili per una formazione lasciata allo sbaraglio a fronte di una professione dal futuro incerto, tanto per dirne due. Finalmente con AP qualcuno che lo dice e che vuole occuparsi dei problemi “veri” degli psicologi in carne e ossa.

Per quanto riguarda me, mi sento uno psicologo “puro” -e nulla più. Penso spesso di essere fortunato per avere scelto il “giusto” lavoro: fatto bene, questo mestiere sa essere generoso con noi. Ho scelto per quelle che mi appaiono buone ragioni -per me- di non voler frequentare alcuna delle “scuole di psicoterapia” esistenti. Mi sento comunque un clinico “di prima linea”, interessato di adolescenza trasgressiva e anoressie; e di queste mi occupo. In luoghi e momenti diversi della vita professionale ho incontrato realtà che mi hanno segnato: le più significative sono raccolte in una pubblicazione, “Adolescenze Estreme”, edita da Feltrinelli, cui seguirà presto un manuale sul profiling della criminalità adolescenziale.

Ho sempre creduto nell’iniziativa comune e nel gruppo: sono responsabile scientifico dell’Associazione Alice Onlus per il disagio giovanile, che opera nell’area della Psicologia Scolastica e sono presidente della Cooperativa Sociale Il Bosco Incantato, che gestisce servizi per la prima infanzia. Sento che l’Ordine, oggi quasi inesistente nelle nostre vite se non per qualche noioso convegno e qualche ricerca, può fare davvero enormi cose senza neppure dover vantare troppa immaginazione!

Il mio desiderio è di dedicare alcuni anni di vita al miglioramento della professione di psicologo. Il mio impegno in Altrapsicologia e come presidente dell’Ordine Psicologi Lombardia è in questa direzione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>