.:.

Una sentenza contro la psicanalisi?

Un ordinario caso di esercizio abusivo della professione di psicoterapeuta. Ma l’imputata [e il suo consulente tecnico di parte] dichiarano che l’attività svolta è psicanalisi, sostenendo che non sia annoverabile fra le psicoterapie. Il giudice condanna, ed accompagna la sentenza a considerazioni più generali sulla psicanalisi.

La singolarità dei fatti non sta nella qualifica della protagonista. Una condotta come quella adottata dall’imputata sarebbe esecrabile in qualsiasi attività professionale, non solo nello studio di uno psicologo, di uno psicanalista, o di sedicenti tali. La signora ha infatti venduto sandali per stivali, non chiarendo adeguatamente con la propria cliente quel che le stava vendendo. Questo per due anni. La cliente, ritenendosi imbrogliata, ha chiesto indietro le parcelle rivolgendosi al giudice.

Questo è quanto, in merito al caso. Si sarebbe potuta chiamare truffa, ma dato che l’oggetto del contendere è attività regolamentata, e che l’Italia è un paese garantista, il fatto è stato declassato ad esercizio abusivo di professione.

La singolarità sta nel fatto che il giudice non si è limitato a valutare il caso specifico, ma ha ritenuto di ampliarsi al tema della psicanalisi, e di chiarire nero su bianco nella sentenza anche gli aspetti relativi al rapporto d’inclusione o esclusione della psicanalisi nelle psicoterapie, intese come attività regolamentata dalla legge italiana.

Perché il giudice abbia sentito il bisogno di compiere tale operazione per me è un mistero, dal momento che il giudice normalmente giudica fatti specifici oggetto della contesa. Posso solo ipotizzare che alla base di questo comportamento vi siano ragioni contingenti al processo.

Vuoi mettere che l’imputata, vista nella necessità di difendersi in qualche modo, abbia adottato come linea di difesa quella di chiamare sé stessa psicanalista, in questo modo pensando di sottrarsi almeno parzialmente alle maglie della giustizia? Chi abbia suggerito tale via d’uscita resta un mistero.

Forse l’imputata stessa, per autentica fede nella laicità della psicanalisi, esercitando nella propria difesa in sede giudiziaria anche un’azione di lotta civile per l’affermazione della psicanalisi laica. Allora si tratterebbe della nobile lotta dell’individuo contro leggi che considera sbagliate.

Ma per la sfiducia che nutro nell’idea che oggi si possa agire per ideali nobili e romantici, ho anche pensato a ragioni più prosaiche. Metti il caso che la scappatoia della psicanalisi laica sia stata suggerita in qualche modo. Da chi, non sappiamo. Metti che si volesse approfittare di un dibattito culturale e scientifico che dura da quasi cent’anni, che ha una storia ben più lunga del nostro breve ventennio di esistenza regolamentata. Metti pure che ci fossero nobili intenzioni nell’infilare questa questione della psicanalisi laica all’interno di un processo.

Io però resto convinto di una cosa: da una parte ci sono i comportamenti individuali che vanno letti necessariamente alla luce della legge. In questo caso, il comportamento era certamente in contrasto con le norme che impongono a qualunque professionista di essere chiaro nel contratto.

Dall’altra parte ci sono i dibattiti culturali e scientifici, che fortunatamente esulano dalle leggi e dagli ordinamenti dei singoli paesi per elevarsi al rango di dibattiti indipendenti e sovranazionali.

Sono chiaramente consapevole del fatto che questa idea di scienza è un’astrazione, perché nei fatti anche il progresso della conoscenza dipende da fattori molto contingenti. Per dirla alla Feyerabend, la scienza dipende molto anche dalla vita sessuale dei ricercatori. Ma questo non toglie che il dibattito sulla laicità della psicanalisi, ovvero sulla sua autonomia rispetto a tutte le pratiche mediche, religiose o terapeutiche, sia un dibattito aperto, fertile, di lunga tradizione, dai temi certamente di interesse per chiunque voglia svolgere una delle attività di cui sopra.

Il dibattito sulla psicanalisi laica, lo dico da professionista molto critico rispetto ad alcune posizioni teoriche di matrice analitica, è un dibattito nobile, che deve trovare il proprio naturale alveo nella comunità scientifica, e non nelle aule di tribunale.

Ne ho viste di tutti i colori in questi ultimi mesi: sentenze, avvertimenti, storie di diffamazioni varie. A me non pare che questo renda giustizia della nobiltà dell’argomento, della sua storia e della sua tradizione. Purtroppo, chi oggi dichiara di ispirarsi alla teoria psicanalitica spesso non conosce nemmeno l’esistenza di questo dibattito, mentre conosce a menadito l’evidence based medicine. E si sente pure in colpa, di essere poco evidence based.

Io non sono molto evidence based. Seguendo quotidianamente i mercati finanziari ho imparato che ogni previsione basata sui casi passati è pura illusione. In questo sono confortato dalla fisica teorica, che ha abbandonato l’idea di confermare le ipotesi attraverso la collezione di casi a conferma sin dagli anni ’20. Assisto impotente alla psicologia contemporanea, che sta ricalcando con incredibile cecità dei sentieri che gli altri hanno percorso e superato cent’anni fa.

E non sono per nulla psicanalista. Ma credo che la psicanalisi potrebbe aiutare, a patto di non ridurla alle ruspanti diatribe sulle pseudopreofessioni. Tutto quel corredo di varie amenità e professioni inventate, di cui esiste un ampio catalogo su LinkedIN, non c’entra nulla con la psicanalisi.

Qui non stiamo parlando di parrucchiere e macellai che si inventano di essere fattucchiere, consulenti esistenziali, supporter emotivi, psicomotivatori, astrocounsellor, supercoach, biopsicoteologi, paratecnologi relazionali e compagnia cantante.

Non stiamo parlando di pseudo-professioni nate ieri nel parto di menti fervide e fantasiose, perlopiù inoccupate o insoddisfatte del proprio occuparsi, desiderose di occuparsi del prossimo per evitare di occuparsi di se stesse, convinte che basti battezzare qualcosa per portarlo alla luce e renderlo esistente e fruttuoso.

Qui stiamo parlando della psicanalisi laica, un tema dal profumo antico, da gustare come un millesimato d’annata, come un buon romanzo ottocentesco. Non stiamo parlando delle sottilette da mettere nei toast all’ultimo momento, ma di una produzione curata, nobile, di pregio e tradizione. Stiamo parlando di qualcosa che è stato fondativo del resto delle teorie psicologiche.

Da tutto questo, la mia arringa finale: quando si parla di esercizio abusivo della professione di psicologo, che si distingua la pula dal grano.

Ho 37 anni, due figli, sono laureato in Psicologia e in Filosofia e per mestiere faccio lo psicologo. Anche se la psicologia mi piace, non sono mai riuscito a considerarla una metafora completa per i bizzarri fatti della vita. Per questo mi piace interessarmi di tutto quello che mi attrae: filosofia, economia, arte, cucina, letteratura di viaggio. Da circa un anno tengo un blog sulla previdenza: presa dal verso giusto non è affatto noiosa, ma è una buona finestra da cui osservare i fatti del nostro paese. Il mio profilo su Elezioni ENPAP: http://www.elezionienpap.it/federico-zanon/ Blog: www.federicozanon.eu Twitter: @federicozanon
Category : Blog.
« »

Commenti

One Response to %2$s

  1. Davide Natta says:

    Non è la prima volta che un tribunale italiano si trova a pronunciarsi sul tema della legittimità dell’esercizio della psicanalisi.

    La conclusione a cui giunge l’articolo è più che condivisibile,  rappresenta un’apertura, quanto meno di credito, nei confronti di una pratica che in modo spesso eccessivamente superficiale viene annoverata tra le psicoterapie. 

    Nella valutazione del caso specifico, se mi è permessa una nota critica, che rivolgo con affetto all’amico Federico, si ricorre ad una sorta di processo alle intenzioni,  adombrando il dubbio che il riferimento all’analisi laica sia stata una strategia processuale, come se tale riferimento rappresentasse un’opportunità, permessa dalle lacune nella legislazione – che nulla dice riguardo alla psicanalisi – per poter sfuggire all’inesorabilità della giustizia. 

    Questo dubbio avvalora, mi pare, la tesi secondo la quale la psicanalisi non sia stata inserita esplicitamente nella stesura definitiva della legge 56/89 poiché la  volontà del legislatore era proprio quella di non includerla, in quanto, per tradizione consolidata, effettivamente altra cosa rispetto alla psicoterapia.

    Non possiamo che prendere atto che il processo si è svolto nei confronti di una persona che si è dichiarata psicanalista ben consapevole delle conseguenze che questo può comportare sul piano legale, a prescindere da un giudizio sulle modalità, più o meno condivisibili, con cui si svolge tale funzione, con la precisazione che ben venga l’intervento della magistratura in caso di dolo.

    Il fatto che il Tribunale non abbia accolto come legittimo il richiamo da parte dell’imputata ad una tradizione ormai secolare, risalente allo stesso Freud, il quale ha sempre indicato la psicanalisi non riconducibile ad un sapere precostituito, che sia quello medico o quello psicologico poco cambia, rappresenta il reale punto in questione, percepibile da tutti come non solo di ordine teoretico.

    Il tema del posizionamento della psicanalisi all’interno del Sapere è fondamentale per coloro che si occupano della relazione d’aiuto, ma non solo per loro, anche per chi ha un’idea di libertà che trova fondamento sulla possibilità/necessità  inalienabile di  scelta  del singolo per ciò che concerne la sfera d’azione personale negli ambiti più disparati, non ultimo quello che riguarda la cura di sé. 

    La psicanalisi, come pratica formativa, mette in gioco la valenza etica della nostra azione; il fatto poi che sia sorta in ambito medico/terapeutico è una contingenza storica, certamente rilevante, ma non essenziale.

    La centralità della psicanalisi, nella sua apertura iniziale e radicale, è cruciale proprio perché nel desolante panorama culturale attuale ci ricorda con insistenza – poco tollerata evidentemente – la necessità di affermare la priorità dell’individuo
    – con le sue particolarità, anche sintomatiche – su ogni forma di generalizzazione simbolica, con tutto ciò che ne deriva sul piano culturale, economico e sociale quanto al prevalere del primo sulla seconda o viceversa.

    Presto svelato, quindi, lo scandalo rappresentato oggi dalla psicanalisi; non più nulla a che vedere, come un tempo, con pruriginosi riferimenti alla vita sessuale.

    La psicanalisi rimarrà, nonostante  i tribunali di tutto il mondo, la pietra di inciampo per chi vive nelle proprie salde certezze, soprattutto quando queste non servono ad altro se non a legittimare qualche forma di potere.

    Un ringraziamento a Federico Zanon per l’onestà intellettuale dimostrata nell’affrontare un tema che nonostante le difficoltà e le insidie che porta con sé rimane una sfida che riguarda, nonostante le apparenze, tutti noi…. cittadini.

  2. Caterina says:

    Ho conosciuto XXXXXXXX XXXXX, l’imputata del processo di cui si parla, tramite un’associazione psinalitica torinese che sostiene il manifesto per la difesa della psicanalisi laica. Oltre alle tante parole incomprensibili, questi signori ne spendono ben poche per parlare delle parcelle in nero con cui si fanno pagare lunghi anni di sedute inutili e dannose, perché nel frattempo non fanno altro che comportare il peggioramento della condizione dei poveri sventurati che incappano nelle loro grinfie. Una persona a me molto vicina ha speso inutilmente diecimila euro in nero per tre anni di assurdità: e si era rivolto ad uno degli analisti meno cari del gruppo degli amici della signora XXXXX. Il consiglio che posso dare, sulla base di esperienze vissute, è di lasciare gli psicanalisti alle loro diatribe interne su cosa sia la psicanalisi, e di evitarli come la peste se si pensa di rivolgersi ad essi per affrontare o, peggio ancora, cercare di risolvere proprie inquietudini personali.

  3. Pingback: Omosessualità e psicanalisi: l'Ordine Psicologi Veneto tace.AltraPsicologia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>